AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Cultura > ANNO 2014: Organalia 2014


Organalia 2014
Venti concerti da maggio a luglio su due grandi itinerari

PRESENTAZIONE

Concerti di luglio

Sabato 5 luglio, nella parrocchiale di San Pietro in Vincoli a Lanzo Torinese, ritornerà l’organista siciliano Diego Cannizzaro per presentare il doppio cd (ELEORG031) dedicato a Filippo Capocci che è stato registrato l’anno scorso sia a Lanzo Torinese, sia a Monastero di Lanzo.
Un appuntamento molto importante che permetterà al pubblico di apprezzare, ancora una volta, l’organo costruito da Giuseppe Mola nel 1894. Sabato 12 luglio, nella parrocchiale di San Martino vescovo a Mezzenile ci sarà la celebre organista Letizia Romiti, docente al Conservatorio di Alessandria, per un concerto tutto bachiano che permetterà l’ascolto dell’organo Ponziano Bevilacqua del 1991.
Sarà presentato il cd ELEORG026 – 2013 dedicato alle musiche natalizie di Bach.

Sabato 19 luglio si entrerà in Canavese, per la precisione dell’area denominata Dora Baltea canavesana. A Borgofranco d’Ivrea, cittadina celebre i suoi balmit, arriverà Walter Gatti che svilupperà, alla consolle dell’organo Ramasco-Foglia del 1747-1897 un programma sull’influenza italiana nella musica barocca tedesca. Saranno eseguiti brani di Frescobaldi, Kerrl, Froberger, Pachelbel, Tunder, Pasquini, Bach, Pergolesi e Buxtehude.
Infine, salendo in quota, gran finale a Andrate, sabato 26 luglio per il concerto conclusivo nella parrocchiale di San Pietro in Vincoli.
Alla consolle dell’organo costruito da Carlo Silvestro Velatta (seconda metà del XVIII secolo) suonerà l’organista pratese Gabriele Giacomelli per presentare il cd ELEORG027 - 2013 interamente dedicato a Domenico Zipoli.


La rassegna 2014 è stata organizzata su due grandi itinerari che permetteranno al pubblico degli appassionati della musica organistica di riascoltare strumenti di grande interesse e di scoprire gioielli finora nascosti.
Complessivamente saranno venti i concerti, dal 9 maggio al 26 luglio, che caratterizzeranno i primi dodici anni di attività di Organalia.

Il primo itinerario, intitolato Torino&Dintorni, metterà in evidenza quasi tutti gli organi utilizzati dalla rassegna dal 2002 a oggi a Torino, mettendoli in relazione con i dintorni della metropoli.

Infatti, ogni venerdì sera, alle 21, in maggio e giugno, sarà possibile ascoltare un concerto d'organo a Torino in chiese prestigiose sia per valore architettonico, sia spirituale e per ospitare al loro interno strumenti di grande pregio, mentre il sabato sera, alla stessa ora, si potrà uscire fuori città, andando in località vicine per godere di momenti indimenticabili di musica.
A Torino i concerti saranno svolti nelle seguenti chiese: Santo Volto, Sant'Agostino vescovo, Corpus Domini, San Tommaso, Santa Rita da Cascia, Tempio Valdese, Santo Sudario e San Filippo Neri.
Fuori città i concerti saranno ospitati ad Almese, Alpignano, Grugliasco, Pianezza, Collegno, San Maurizio Canavese e Fiano.

Varie le tipologie musicali e i loro interpreti: il Coro Maghini diretto da Claudio Chiavazza, il Coro di voci bianche Artemusica diretto da Debora Bria, gli organisti Luca Benedicti, Corrado Cavalli, Guido Donati, Andrea Macinanti, Marco Limone, Marco Ruggeri con la violinista Lina Uinskyte, Giulio Mercati con l'arpista Stefania Saglietti, Massimo Gabba con la pianista Angiola Rocca, Roberto Cognazzo, Lorenzo Ghielmi, Maurizio Fornero con il soprano Gabriella Costa.

All'interno di questo percorso vi saranno due avvenimenti straordinari.
Il primo è in memoriam di Massimo Nosetti che ci ha prematuramente lasciati nel novembre del 2013, con la partecipazione di tutti gli Allievi diplomati nella sua classe d'organo al Conservatorio di Cuneo e del suo coro Cantus Firmus per la direzione di Ivano Scavino, con il coordinamento tecnico di Omar Caputi. Saranno due concerti, l'uno di seguito all'altro, a Torino, nel Santuario di Santa Rita da Cascia e a San Maurizio Canavese, nella parrocchiale, con la realizzazione di un doppio compact disc.
L'operazione culturale è stata resa possibile grazie alla completa disponibilità e gratuità di tutti gli Interpreti che hanno voluto in questo modo rendere omaggio al loro Maestro e con il contributo dell'Amministrazione Comunale di San Maurizio Canavese e dell'Associazione Amici di San Maurizio.
Il secondo, a Fiano, consentirà al pubblico di ascoltare la voce dell'organo Concone, appena restaurato per la parte organaria dai Fratelli Marzi di Pogno e, per la parte lignea e decorativa, dallo Studio Malachite di Orio Canavese. Questo strumento che era stato inserito dall'organologo Silvio Sorrentino nel volume 100 organi della Provincia di Torino, pubblicato nel 2009, tra quelli degni di essere restaurati, sarà anche da lui inaugurato in qualità di organista.

Infine, all'inizio di giugno, si terrà nel Cortile d'Onore di Palazzo Dal Pozzo della Cisterna, sede aulica della Provincia di Torino, un concerto per orchestra a fiati, un genere musicale che Organalia non aveva ancora ospitato. L'orchestra Arsnova, per la direzione di Andrea Morello e con la partecipazione del trombonista Floriano Rosini, svilupperà un concerto incentrato sull'evoluzione della Marcia, da Beethoven ai giorni nostri.

Il secondo itinerario sarà sviluppato interamente nel mese di luglio con quattro concerti che si terranno in località montane o prossime alla montagna: Lanzo Torinese, Mezzenile, Borgofranco d'Ivrea e Andrate.
A Lanzo Torinese verrà presentato il doppio cd con musiche per organo o armonium dedicato al compositore, organista e didatta romano Filippo Capocci che è stato realizzato anche grazie al contributo dell'Amministrazione comunale mentre ad Andrate il pubblico di Organalia potrà ascoltare uno strumento settecentesco, restaurato alcuni anni or sono da Dell'Orto & Lanzini, attribuito a Carlo Silvestro Velatta.


(11 aprile 2014)