AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Istituzionale > ANNO 2014: Progetto RENEP e MED NET JOB


DALLA PALESTINA E DAL MAROCCO A TORINO
PER IMPARARE LA GESTIONE SOSTENIBILE DELL’ENERGIA
E LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DEI SERVIZI PER L’OCCUPAZIONE


PRESENTAZIONE

Filmato: Dalla Palestina e dal Marocco a Torino
Durata : 02' 39"

Calorosa accoglienza, lunedì 17 novembre, a Palazzo Dal Pozzo della Cisterna sede della Provincia di Torino, per la delegazione della città palestinese di Hebron e per la delegazione di funzionari ed amministratori locali della città marocchina di Larache, giunte a Torino per due visite di studio nell’ambito rispettivamente del progetto RENEP - Renewable Energies for Palestine e del progetto MED NET JOB - Mediterranean network for job governance, di cui la Provincia è partner.

IL PROGETTO RENEP PROMUOVE LE ENERGIE RINNOVABILI IN PALESTINA

Del progetto RENEP - Renewable Energies for Palestine sono partner la Municipalità di Hebron, la Città e la Provincia di Torino, l’Istituto Superiore sui Sistemi Territoriali per l'Innovazione (SiTI) e la società AI Engineering Group. RENEP è una delle attività del Palestinian Municipalities Support Program del Ministero degli Affari Esteri italiano.

La cerimonia ufficiale di benvenuto alla delegazione palestinese da parte delle autorità torinesi si è tenuta stamani nella Sala Giunta di Palazzo Cisterna alla presenza dell’assessore provinciale all’ambiente, Roberto Ronco, dei rappresentanti della Città di Torino, del Politecnico e della Camera di commercio. L’assessore Ronco ha tenuto a sottolineare le importanti esperienze di governance ambientale del territorio e della produzione energetica che la Provincia di Torino ha compiuto negli ultimi dieci anni, puntanto proprio sulla valorizzazione delle fonti rinnovabili e sulla sperimentazione e diffusione delle tecnologie che consentono consistenti risparmi energetici. L’amministrazione provinciale uscente ritiene importante che i progetti locali e di cooperazione internazionale nel settore ambientale ed energetico proseguano nella nuova fase che si apre con l’istituzione ella Città Metropolitana. Il funzionario dell’assessorato all’ambiente Silvio De Nigris ha illustrato il Piano di azioni per la sostenibilità energetica della Provincia di Torino. Oltre alle sessioni seminariali di illustrazione delle buone pratiche e dei progetti avviati in Piemonte, sono previste alcune visite di studio: agli impianti fotovoltaici della discarica Barricalla e della stazione ferroviaria di Porta Susa, al Bioindustry Park di Colleretto Giacosa, all’Environment Park di Torino e agli incubatori di imprese Toolbox, Officine Arduino-Fablab e I3P.

I progetti sinora avviati nell’ambito del Palestinian Municipalities Support Program riguardano la raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, la gestione delle risorse idriche, lo smaltimento delle acque reflue, le energie rinnovabili, le promozione di attività sociali, la tutela dei beni culturali e del turismo, le attività di capacity and institutional building. La Città e la Provincia di Torino si sono impegnate a trasferire ai partner palestinesi alcune buone pratiche in tema di energie rinnovabili, con attività di formazione in loco e visite di studio in Piemonte. Grazie al supporto dei tecnici torinesi, sono previste la stesura di uno studio di fattibilità per il nuovo sistema di gestione energetica sostenibile della Municipalità di Hebron, la progettazione e la realizzazione di un sito-pilota. La Provincia è impegnata nella formazione in loco dei funzionari palestinesi ed è partner tecnico dell’associazione no profit SiTI e di AI Engineering Srl, società che cura lo studio di fattibilità e la costruzione del sito-pilota.


LA CITTÀ E IL TERRITORIO DI LARACHE SI CONFRONTANO CON TORINO PER MIGLIORARE LA FORMAZIONE ED I SERVIZI PER L’OCCUPAZIONE

Nel suo saluto ufficiale agli ospiti marocchini l’assessore provinciale al lavoro e formazione professionale, Carlo Chiama, ha sottolineato che le relazioni economiche fra l’area torinese ed il Paese nordafricano si sono intensificate negli ultimi anni, in parallelo con il movimento immigratorio di manodopera marocchina in Italia. “La formazione professionale adeguata alle esigenze del sistema produttivo locale è uno dei perequisiti dello sviluppo economico e della competitività del sistema stesso. – ha sottolineato Chiama – Anche nella fase di passaggio delle consegne alla Città Metropolitana, i servizi per la formazione professionale e per l’impiego della Provincia di Torino rimangono un punto di riferimento per gli utenti e per le imprese, così come le competenze del servizio sttività produttive, che la Regione Piemonte ritiene di grande interesse“. Marco D’Acri, sssessore provinciale alle relazioni internazionali, ha a sua volta sottolineato l’interesse della Provincia di Torino e di tutti gli altri partner della rete di “Arco Latino” per l’intensificazione dei rapporti politici, economici, sociali e culturali con la sponda sud del Mediterraneo, anche in vista del terzo Forum mondiale dello sviluppo economico locale, in programma a Torino dal 15 al 18 ottobre 2015.

Il progetto MED NET JOB - Mediterranean network for job governance, di cui la Provincia di Torino è partner, nell’ambito della rete di Enti locali “Arco Latino”, è dedicato al miglioramento qualitativo del sistema della formazione professionale a livello locale. Le attività sono iniziate nell’aprile del 2012, con una missione di una delegazione politica e tecnica di Arco Latino nella capitale Rabat e a Larache, capoluogo della provincia omonima nella regione di Tangeri-Tétouan, nel Nord del Marocco. Il confronto tra i partner europei e le istituzioni nazionali, regionali e locali marocchine e con i rappresentanti di organizzazioni della società civile, è finalizzato a definire i bisogni di formazione professionale e le opportunità offerte dal processo di decentramento istituzionale e amministrativo in corso in Marocco. La Provincia di Torino e quella di Larache hanno avviato una collaborazione che data ormai da un paio di anni e che si concretizza in un periodico scambio di esperienze tra i partner di Arco Latino e quelli del programma Art Gold Maroc.

Nel luglio 2012 una delegazione marocchina è stata in missione in Italia, focalizzando la propria attenzione sul modello di governance della formazione professionale adottato nel nostro Paese. I partner di Arco Latino hanno messo a disposizione della Città e della Provincia di Larache un esperto italiano, al fine di analizzare nel dettaglio i punti critici della formazione professionale nel Paese nordafricano, suggerendo soluzioni organizzative adeguate alla realtà locale. La collaborazione è stata però rallentata dal processo di riordino degli Enti locali in atto in Italia e dalle incertezze sulle competenze future delle Province e delle Città Metropolitane.

I contatti sono ripresi nel giugno 2013, anche grazie alla collaborazione con l’Università di Torino, che ha messo a disposizione un proprio laureando per l’analisi comparativa dei sistemi di formazione professionale e per la diagnosi delle insufficienze di quello marocchino, soprattutto in tema di preparazione professionale dei giovani che devono fare il loro ingresso nel mercato del lavoro. Il progetto prevede come atto finale la settimana di formazione a Torino per i funzionari e degli amministratori politici della regione, della provincia e della città di Larache. I risultati della formazione saranno messi a disposizione sui siti web della Provincia di Torino e di Arco Latino.

(17 novembre 2014)