AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Viabilità > ANNO 2014: Progetto europeo Tyrec4life


Logo Progetto TyRec4lifeLife Programme TYREC4LIFE IN DIRITTURA D’ARRIVO:
COMINCIATE LE PROVE SU STRADA


PRESENTAZIONE

Filmato: Asfalto dalle gomme fuori uso
Durata: 02' 14"

Filmato: Tyrec4life continua la sperimentazione
Durata: 03' 41"

E' la strada provinciale 53 di San Giorgio il teatro della seconda prova sul campo del progetto europeo Tyrec4life, che consiste nella stesa del cosiddetto tappeto d'usura, cioè dell'ultimo strato di asfalto, realizzato con bitume arricchito con polverino di pneumatici fuori uso. Oggi e domani gli uomini e i mezzi della ditta Sintexcal di Torino asfalteranno la SP 53 per circa 1000 metri di lunghezza (e 9 metri di larghezza), dal km 9,5 al km 10,4.

Il primo test era stato effettuato la settimana scorsa su circa un chilometro della strada provinciale 503 di Baio Dora, nel Comune di Borgofranco di Ivrea. Complessivamente, sono circa 17mila metri quadri delle provinciali 503 e 53 asfaltati col polverino e 100 le tonnellate di bitume utilizzate; di queste ultime, 20 sono di polverino, per un totale di qualche migliaiodi copertoni riciclati.

L'asfalto (o, come preferiscono dire i tecnici, il conglomerato bituminoso) mescolato col polverino viene steso sulla strada alla temperatura di 175° gradi centigradi: una temperatura più alta rispetto a quella delle asfaltature tradizionali, necessaria a causa della maggioreviscosità dovutaalla presenza nel bitume della gomma. Il materiale utilizzato per la sperimentazione ha un costo superiore, fortemente influenzato dalla maggiore quantità di bitume, ma tale apparente diseconomia – i primi risultati sono lì a dimostrarlo - è compensata ampiamente dalle prestazioni di questo asfalto innovativo, che è migliore sul piano dell’aderenza (in termini di tenuta in curva e sul bagnato e di spazio di frenata), della fonoassorbenza e della durata, senza contare i vantaggi indiretti legati all’utilizzo di materiale di scarto.

La sperimentazione si concluderà nelle settimane a venire, con le stese di bitume su due strade urbane di Settimo Torinese. Dopo di ciò, il cronoprogramma prevede uno stadio conclusivo di 6 mesi da dedicare alle verifiche e alla comunicazione dei risultati.


(02 ottobre 2014)