www.provincia.torino.it: l'informazione che cercavi

Provincia di Torino


Speciali

L'ENTE PUBBLICO SPENDE MEGLIO SE COMPRA ECOLOGICO
Nuovi soggetti hanno aderito al protocollo per gli acquisti pubblici ecologici.
Nel 2005 spesi 6,8 milioni di euro in beni e servizi "verdi"


PRESENTAZIONE

Venerdì 16 febbraio durante una conferenza stampa tenuta a Palazzo Cisterna, un nuovo gruppo di Enti ha aderito al protocollo d'intesa, firmato per la prima volta nell'aprile 2004, per la promozione degli acquisti pubblici ecologici (APE). Si tratta dei Comuni di Avigliana e di Bardonecchia, del Parco Nazionale Gran Paradiso, dell'Agenzia Energia e Ambiente di Torino, dell'Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri "G. Galilei" di Avigliana, dell'Acea Pinerolese Industriale, del Cidiu e del Consorzio Servizi Socio Assistenziali Chierese.

L'iniziativa è promossa dalla Provincia di Torino e dall'Arpa Piemonte: i sottoscrittori del protocollo si impegnano a utilizzare criteri ecologici nell'acquisto di beni e servizi per i propri uffici quali autoveicoli, mobili, attrezzature informatiche, carta per fotocopie e pubblicazioni, meeting ecc. Proprio i servizi sono la principale novità di questa nuova sottoscrizione del protocollo: gli Enti che aderiscono al progetto d'ora in avanti utilizzeranno criteri ecologici per la scelta dei servizi di pulizia e di ristorazione e per l'edilizia. La Provincia, ad esempio, vi ricorrerà per l'illuminazione e la climatizzazione invernale ed estiva dei propri edifici: aspetti energetici in linea con il protocollo di Kyoto, della cui entrata in vigore proprio oggi ricorre il secondo anniversario. In merito all'eco-meeting, le linee guida del progetto richiedono di preferire alberghi che hanno ottenuto la certificazione ambientale "Ecolabel europeo": in provincia di Torino al momento sono sette.

Nel corso del 2005 il volume degli acquisti "verdi" effettuati è stato di 6,8 milioni di euro, pari al 68% della spesa totale per i beni e i servizi suddetti. La spesa maggiore, pari al 75% del totale delle spese effettuate per prodotti APE, è stata sostenuta per computer, monitor e stampanti. Pesa in modo sostanziale su questo dato l'ingente acquisto del Comune di Torino di computer e monitor (? 3.370.000) e stampanti (? 1.500.000). Importante (17.9%) la percentuale di spesa per autoveicoli, seppure ridimensionata rispetto al 2004 (era pari al 44% del totale). Si riduce rispetto al 2004 anche il peso percentuale della carta, che passa dall'8% al 4.1%. Nel 2005 è il Comune di Torino l'Ente che ha sostenuto più spese per acquisti verdi: ben l'84% della spesa APE totale; seguono la Provincia di Torino (6,8%), Arpa Piemonte (3,3%) e il Comune di Chieri (2,9%).
"Questa iniziativa, oltre a incentivare modelli di consumo sostenibile, mira a innalzare la qualità ambientale delle aziende del nostro territorio" ha commentato l'assessore provinciale allo Sviluppo sostenibile e alla Pianificazione ambientale Angela Massaglia. "In questo modo le amministrazioni pubbliche si propongono come esempio e come stimolo sia per il singolo cittadino che per il mercato. I prodotti ecosostenibili hanno un impatto ambientale decisamente minore" ha aggiunto Massaglia, "e a questa riduzione le amministrazioni pubbliche possono contribuire in maniera consistente: le loro spese per gli approvvigionamenti sono in media il 16% del PIL e passare ai prodotti "verdi" significa sostenere lo sviluppo ecocompatibile in modo massiccio".

torna su ^