www.provincia.torino.it: l'informazione che cercavi

Provincia di Torino


Speciali

AL VIA I CANTIERI PER LA VARIANTE DI PIANEZZA-ALPIGNANO
Gli otto chilometri di strada saranno aperti al traffico nel 2008

PRESENTAZIONE

Otto chilometri di lunghezza, con una larghezza pavimentata di oltre dieci metri e un costo complessivo di 25 milioni di Euro. Sono i dati che descrivono in sintesi la nuova variante alla Strada Statale 24, la Circonvallazione Pianezza-Alpignano.
Il cantiere è stato ufficialmente aperto il 27 giungo 2006 dai Presidenti della Provincia di Torino Antonio Saitta, di Ativa Giovanni Ossola, dall'Assessore alle Grandi Infrastrutture Franco Campia e dagli Amministratori dei comuni interessati.
L'opera, finanziata da Ativa e Provincia, avrà l'obiettivo di decongestionare il traffico nei vicini centri abitati e costituirà una valida alternativa alla barriera di Bruere, un tratto di tangenziale particolarmente trafficato, con punte di 140 mila passaggi di autoveicoli al giorno nei due sensi di marcia.
La variante comprende sei svincoli, il primo costituito da quello attuale di Collegno sulla Tangenziale Nord, da quattro rotonde con la viabilità locale e lo svincolo terminale nel comune di Alpignano. Saranno inoltre realizzati due ponti sul Rio Fellone della lunghezza di 12 metri ciascuno, attraversamenti di alcune strade comunali e provinciali con sottopassi, un cavalcavia sulla Strada provinciale 177 di Valdellatorre lungo 23 metri.
I lavori sono stati affidati, attraverso gara pubblica, al Consorzio Ravennate a alla Torino Scavi.
"E' un'opera importante, una delle più grandi realizzate nell'area Metropolitana - ha commentato il Presidente della Provincia Antonio Saitta, durante la consegna del cantiere, avvenuta questa mattina in strada Cassagna - E' la soluzione definitiva, attesa da anni, a una serie di problemi di viabilità dell'intera zona. Abbiamo bisogno di opere come questa che servirà anche ad alleggerire il traffico sulla vicina tangenziale. Ha le caratteristiche di una grande infrastruttura e si realizzerà su un tracciato gradito alle Amministrazioni locali e ai residenti".
Il Presidente di Ativa Giovanni Ossola ha sottolineato "l'interesse dimostrato dalla Società nei confronti di tutti gli altri soggetti coinvolti e del territorio. La variante richiederà circa due anni di lavoro e dovrebbe essere aperta al traffico nel corso del 2008".
"L'intervento - ha ricordato l'Assessore provinciale Campia - ha un carattere straordinario. Si inserisce a fianco dell'anello della Tangenziale di Torino e rientra nell'accordo stipulato proprio con Ativa per la realizzazione di altre due opere che vanno a risolvere i problemi di viabilità a Trofarello e Orbassano".

torna su^