AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Lavoro

Faq


  1. Quali sono le novità dal 1° gennaio 2013. Che cos'è l'ASPI?
  2. Posso fare l'autocertificazione per ricevere l'indennità ordinaria?
  3. Cosa devo fare per la presentazione della domanda di disoccupazione?
  4. Che cos'è e a chi spetta l'indennità di disoccupazione Mini Aspi?
  5. Che cos'è e a chi spetta l'indennità di disoccupazione Aspi?
  6. Ho diritto all'ASPI se presento le dimissioni o se vi è stata risoluzione consensuale del rapporto di lavoro?
  7. Cosa devo fare al Centro per l'Impiego?

  1. Domanda:
    Quali sono le novità dal 1° gennaio 2013. Che cos'è l'ASPI?

    Risposta:
    Dal 1° gennaio 2013 l'indennità di disoccupazione pagata dall'INPS è stata sostituita dalla nuova Assicurazione sociale per l'impiego (ASPI).
    Il pagamento dell'indennità di disoccupazione è ancora riconosciuto per coloro che hanno persone il lavoro entro il 31.12.2012.
    Si invita a consultare il sito dell'INPS.

  2. Domanda:
    Posso fare l'autocertificazione per ricevere l'indennità ordinaria?

    Risposta:
    Si. Dal 20 ottobre 2005 l'INPS ha previsto i lavoratori possano autocertificare i dati sull'ultimo rapporto di lavoro in modo da ottenere l'indennità. Pertanto viene sostituito il modello DS/22 che veniva compilato dal datore di lavoro con il seguente Modulo

  3. Domanda:
    Cosa devo fare per la presentazione della domanda di disoccupazione?

    Risposta:
    La domanda di indennità di disoccupazione ordinaria non agricola deve essere presentata entro 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro. La domanda può essere inoltrata:
    •ONLINE– servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo attraverso il portale dell’Istituto;
    •tramite Contact Center integrato – n. 803164 gratuito da rete fissa o al numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico;
    •tramite Patronati/Intermediari dell’Istituto – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.
    Visita nel sito web dell'INPS www.inps.it .

  4. Domanda:
    Che cos'è e a chi spetta l'indennità di disoccupazione Mini Aspi?

    Risposta:
    Ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che abbiano perduto involontariamente l’occupazione, ivi compresi:
    •gli apprendisti;
    •i soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato;
    •il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato.
    •i dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni;
    •i lavoratori a tempo determinato della scuola.
    Quanti contributi devo aver versato?
    Almeno 13 settimane di contribuzione (versata o dovuta) da attività lavorativa nei 12 mesi precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione. Non è più richiesto il requisito della anzianità assicurativa.
    Per avere tutte le informazioni si invita a consultare la pagina INPS.

  5. Domanda:
    Che cos'è e a chi spetta l'indennità di disoccupazione Aspi?

    Risposta:
    Ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che abbiano perduto involontariamente l’occupazione, ivi compresi:
    •gli apprendisti;
    •i soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato;
    •il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato.
    •i dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni;
    Quanti contributi devo aver versato?
    Almeno due anni di assicurazione:
    devono essere trascorsi almeno due anni dal versamento del primo contributo contro la disoccupazione; il biennio di riferimento si calcola procedendo a ritroso a decorrere dal primo giorno in cui il lavoratore risulta disoccupato.
    Requisito Contributivo
    Almeno un anno di contribuzione contro la disoccupazione nel biennio precedente l’inizio del periodo di disoccupazione. Per contribuzione utile si intende anche quella dovuta ma non versata. Ai fini del diritto sono valide tutte le settimane retribuite purché risulti erogata o dovuta per ciascuna settimana una retribuzione non inferiore ai minimi settimanali. La disposizione relativa alla retribuzione di riferimento non si applica ai lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari, agli operai agricoli e agli apprendisti per i quali continuano a permanere le regole vigenti.
    Per avere tutte le informazioni leggi la pagina INPS

  6. Domanda:
    Ho diritto all'ASPI se presento le dimissioni o se vi è stata risoluzione consensuale del rapporto di lavoro?

    Risposta:
    No, generalmente non ho diritto alla fruizione dell’indennità ASPI se il rapporto di lavoro è cessato per dimissioni (ad eccezione delle dimissioni giusta causa come previsto dalla Circolare INPS n.163/03 e delle dimissioni nel periodo di tutela della maternità) o per risoluzione consensuale del rapporto (salvo che quest’ultima sia intervenuta nell’ambito della procedura di conciliazione presso la DTL ex art .7 L. n.604/66).

  7. Domanda:
    Cosa devo fare al Centro per l'Impiego?

    Risposta:
    L’interessato deve andare al Centro per l’impiego del proprio domicilio e fornire una dichiarazione che attesti l’attività lavorativa precedentemente svolta e l’immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa che è necessaria per la presa in carico da parte del Centro stesso.
    In alternativa l'utente può attestare lo status di disoccupato al momento della richiesta ASPI tramite il sistema on line.


Le informazioni presenti nel sito hanno carattere unicamente informativo, pertanto si declina ogni responsabilità per qualsiasi problema causato dal servizio.

Ultimo aggiornamento: 24/01/2014