AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Lavoro

Il rapporto di lavoro

Ti trovi in: collocamento ordinario > abolizione delle liste di collocamento e del libretto di lavoro

ABOLIZIONE DELLE LISTE DI COLLOCAMENTO E DEL LIBRETTO DI LAVORO (art.2 D.Lgs. 297/02)

ABOLIZIONE LISTE DI COLLOCAMENTO

L'art. 2 del D.Lgs. 297/02 sopprime le liste di collocamento ordinarie e speciali, ad eccezione delle seguenti liste che restano ancora in vigore:

  • la lista nazionale lavoratori dello spettacolo (art.1, DPR 24 settembre 1963 n.2053);
  • la lista dei lavoratori in mobilità (art.6, legge 23 luglio 1991 n.223);
  • l'elenco dei lavoratori disabili (art.8, legge 12 marzo 1999 n.68) - con soppressione dell'elenco dei lavoratori categorie protette (art.18, legge 12 marzo 1999 n.68)
  • le matricole della gente di mare (art.17, c.2 legge 23 agosto 1988 n.400).
ABOLIZIONE DEL TESSERINO C1

Alla luce dell'abolizione delle liste di collocamento si precisa che non è più in uso il tesserino C1. Su richiesta potrà essere rilasciata una certificazione relativa all'immediata disponibilità dichiarata.

ABOLIZIONE LIBRETTO DI LAVORO

Viene soppresso il libretto di lavoro. Ai nuovi iscritti i Comuni non rilasceranno più il libretto di lavoro ma, chi è ancora in possesso del libretto può comunque tenerlo come semplice documento del proprio passato lavorativo e non è necessario che si presenti al Centro per l'Impiego.
Il vecchio libretto di lavoro viene sostituito dalla scheda professionale contenente informazioni relative alle capacità tecniche, alle esperienze professionali e formative e alla disponibilità lavorativa espresse dal lavoratore.
Il contenuto della scheda professionale è stabilito dal Decreto Ministeriale 30 maggio 2001.
Diventa così pienamente operante l'elenco anagrafico di cui al DPR 442/00, contenente i dati relativi ai soggetti disoccupati, inoccupati o occupati in cerca di altra occupazione.
La scheda professionale è dunque il nuovo documento che sarà rilasciato al lavoratore dal Centro per l'Impiego che lo ha preso in carico.
Tutte le schede professionali degli utenti confluiscono in una banca dati aggiornata a disposizione delle aziende per facilitare l'incontro domanda/offerta.

torna su^


Le informazioni presenti nel sito hanno carattere unicamente informativo, pertanto si declina ogni responsabilità per qualsiasi problema causato dal servizio.

Ultimo aggiornamento: 11/05/2007