AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Lavoro

Il rapporto di lavoro

Ti trovi in: svolgimento del rapporto di lavoro adempimenti verso il Centro per l’Impiego: cos'è

ADEMPIMENTI VERSO IL CENTRO PER L’IMPIEGO: CHE COS'È

Tutti i datori di lavoro privati, agricoli, gli enti pubblici economici e le pubbliche amministrazioni sono tenuti a comunicare le assunzioni effettuate al Centro per l'Impiego più vicino. L’obbligo sussiste anche in caso di tirocinio e assimilati. In questo caso la comunicazione spetta al soggetto ospitante ma, in sua vece, può effettuarla il soggetto promotore. 

RAPPORTI DI LAVORO DA COMUNICARE

 

  • rapporti di lavoro subordinato (compresi i lavoratori nel settore edile, spettacolo, disabili, extracomunitari, sportivi professionisti, dirigenti, personale assunto nella p.a. con concorso, chiamata diretta, selezione dopo avviamento da graduatorie pubbliche)

  • socio lavoratore di cooperativa sia in caso di rapporto subordinato che di collaborazione

  • collaborazioni coordinate e continuative (escluse le collaborazioni e le prestazioni occasionali)

  • contratto di lavoro a progetto

  • mini co.co.co. (collaborazione occasionale con coordinamento con il committente)

  • associazione in partecipazione con apporto di lavoro (anche non esclusivo)

  • rapporto di agenzia: agenti e rappresentanti di commercio (esclusi gli imprenditori: gli agenti costituiti in società o che si avvalgono di autonoma struttura imprenditoriale)

  • tirocini di formazione e orientamento e ad ogni altro tipo di esperienza lavorativa ad essi assimilata. A questo riguardo con la nota del 4 gennaio 2007, in ragione della formula ampia usata dal legislatore, si è ritenuto di includere non solo i tirocini previsti dall’art. 18 della legge n. 196/97 e dal relativo regolamento di attuazione (DM n. 142/1998), nonché quelli disciplinati da leggi regionali, ma anche quelli inclusi nei piani di studio dalle università e dagli istituti scolastici sulla base di norme regolamentari. Rimangono esclusi i tirocini promossi da istituzioni formative a favore dei propri studenti per realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro: per esempio i c.d. tirocini "curriculari", promossi da scuole di ogni ordine e grado e università, gli stage promossi dalle agenzie formative, le borse di studio e di dottorati di ricerca.

  • lavori socialmente utili

  • borse lavoro

  • borse post dottorato di ricerca

  • lavoro autonomo nello spettacolo (Nota Min. Lavoro n. 0005460 del 06-08-2008)

    Per approfondire vai su COME FUNZIONA


  • Le informazioni presenti nel sito hanno carattere unicamente informativo, pertanto si declina ogni responsabilità per qualsiasi problema causato dal servizio.

    Ultimo aggiornamento: 09/12/2013