AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Lavoro

Il rapporto di lavoro

Ti trovi in: svolgimento del rapporto di lavoro > avvio del rapporto: come funziona

AVVIO DEL RAPPORTO DI LAVORO: COME FUNZIONA

Stipulazione del contratto

È obbligatoria la forma scritta per tutti i contratti di lavoro di tipo subordinato (a tempo indeterminato, contratto a termine, apprendistato, ecc...) e parasubordinato (contratto di lavoro a progetto, collaborazione occasionale, ecc...).

Comunicazioni al lavoratore

All'atto dell'assunzione (e comunque prima che inizi l'attività lavorativa) il datore di lavoro è tenuto a consegnare al lavoratore entro 30 giorni una dichiarazione sottoscritta contenente i dati di registrazione effettuata nel libro matricola nonché la comunicazione contenente informazioni quali: luogo di lavoro, la data di inizio e la durata del rapporto di lavoro, l'inquadramento e la qualifica. Nel caso in cui non si applichi il CCNL è obbligatorio indicare la durata delle ferie, periodicità della retribuzione, termini di preavviso, durata della prestazione.
Per il lavoro all'estero le informazioni devono essere fornite al lavoratore prima della partenza e comunque non oltre 30 giorni.

Documentazione da chiedere al lavoratore

Dal 30.01.03 non è più richiesto il libretto di lavoro che è stato soppresso dalla riforma del collocamento.
Si richiedono invece: dichiarazione di titolarità di pensione, documentazione per assegno nucleo familiare, dichiarazione per la detrazione di imposta, codice fiscale, numero di iscrizione ASL, documentazione richiesta dal CCNL.

Certificato penale del casellario giudiziale in caso di svolgimento di attività professionali o attività volontarie organizzate che comportino contatti diretti e regolari con minori

A partire dal 6 aprile 2014 solo per le nuove assunzioni o inserimenti ad altro titolo nell'organizzazione del datore di lavoro, quest'ultimo ha l'obbligo di richiedere il certificato penale del casellario giudiziale per i lavoratori che svolgeranno attività professionali o attività volontarie organizzate che comportino contatti diretti e regolari con i minori (di anni 18) al fine di contrastare gli abusi sessuali sui minori. L'obbligo riguarda tutti i datori di lavoro pubblici e privati, comprese le Agenzie di Somministrazione per tutte le persone che lavorino a qualsiasi titolo (con contratto di lavoro subordinato, parasubordinato con collaborazioni coordinate e continuative con o senza progetto, lavoro autonomo con partita IVA, associazioni in partecipazione con apporto di lavoro, ecc...). Sono esclusi solo i datori di lavoro domestici e coloro che impiegano personale che abbia contatto con i minori in modo episodico e/o a titolo di puro volontariato. Pe sapere come fare leggere tutte le informazioni sul sito del Ministero della Giustizia.

Comunicazione al Centro per l'Impiego

Entro il giorno antecedente (ore 24) a quello di instaurazione del rapporto di lavoro è necessario che l'azienda comunichi l'assunzione ai Centri per l'Impiego tramite Comunicazioni On Line - GECO


Le informazioni presenti nel sito hanno carattere unicamente informativo, pertanto si declina ogni responsabilità per qualsiasi problema causato dal servizio.

Ultimo aggiornamento: 07/07/2014