AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Lavoro

Il rapporto di lavoro

Ti trovi in: svolgimento del rapporto di lavoro mobilità: come funziona > mobilità giuridica: lavoratori interessati

MOBILITÀ GIURIDICA ex l.236 non finanziata:

In sede di approvazione della L. 228/2012 (Legge di Stabilità) sono stati prorogati alcuni ammortizzatori sociali e si attendeva la proroga per il 2013 della cosiddetta “piccola mobilità” destinata, per l’appunto, alle aziende con meno di quindici dipendenti.

La Legge di stabilità per l'anno 2013 (L.228/2012 - Circolare INPS 137/2012 ) non ha rifinanziato gli incentivi della mobilità giuridica ex L.236 comportando di fatto l’impossibilità per i suddetti lavoratori di iscriversi alle liste di mobilità dal 01 gennaio 2013 (sono state infatti abolite tali liste). Parimenti non sono stati rifinanziati gli incentivi per le aziende che assumono.

Questo comporta quanto segue:

• dal 01 gennaio 2013 i lavoratori licenziati da aziende con meno di quindici dipendenti non saranno più iscritti alle liste L. 236/93;
• le aziende che assumeranno lavoratori iscritti in via residuale a tali liste non avranno più diritto agli sgravi contributivi;
• le aziende che hanno assunto nel 2012 lavoratori iscritti alle liste 236/93 potranno fruire dello sgravio fino a scadenza naturale del contratto ma non per le proroghe stipulate nel 2013 (es. assunto 01/11/2012 fino al 30/04/2013 e successivamente prorogato al 30/06/2013: sgravio dal 01/11/2012 al 30/04/2013 - no sgravio dal 01/05/2013 al 30/06/2013).

Per l’anno 2013 il Ministero del lavoro ha anticipato la notizia della concessione di un contributo economico in cifra fissa di 190 euro per un massimo di 12 mesi in caso di assunzioni a tempo indeterminato o di 6 mesi in caso di assunzioni a tempo determinato. Alla data di chiusura della presente pubblicazione non sono note le modalità applicative per fruire del beneficio.


Le informazioni presenti nel sito hanno carattere unicamente informativo, pertanto si declina ogni responsabilità per qualsiasi problema causato dal servizio.

Ultimo aggiornamento: 25/09/2013