Programma triennale di politiche pubbliche di contrasto alla vulnerabilità sociale ed alla povertà
il programma
sperimentazioni territoriali
le iniziative
i partners
i materiali
eventi & novità
contatti
il programma
 

Vulnerabilità Sociale e i Fragili Orizzonti delle persone

"Se vogliamo che le cose migliorino dobbiamo pensare che possano migliorare, la scelta è fra un mondo di possibilità e un mondo di fallimenti" (Vittorio Foa)

Gli studi in corso e la letteratura ci descrivono la vulnerabilità sociale come una situazione che si presenta nella vita delle persone, accompagnata prevalentemente da sentimenti di incertezza del presente e del futuro, inquietudine, disorientamento, mancanza di fiducia, solitudine.
Un tema che è diventato una nuova problematica sociale per descrivere una situazione di fragilità che investe le persone, i cui corsi di vita non sono necessariamente associati a situazioni di emarginazione.
Alcuni l'hanno definita la "vulnerabilità degli inclusi".
A determinare la vulnerabilità possono essere eventi critici che segnano il percorso biografico di una persona. Si manifesta come un malessere che coinvolge anche famiglie ed individui tradizionalmente collocati, fino ad un "attimo prima", in una posizione sociale protetta e garantita.
Si tratta di tutte quelle condizioni che producono un cambiamento rispetto alle precedenti abitudini di vita: una situazione improvvisa, spesso traumatica, - lavorativa, affettiva, di salute - che modifica la "presenza al mondo" della persona o del nucleo familiare.
(da vulnus: ferita, lesione, offesa di un diritto).
La vulnerabilità può coinvolgere, contestualmente, tante dimensioni del vivere quotidiano: lavoro, casa, salute, gestione dei consumi e potere d'acquisto, affetti e relazioni sociali.
Una dimensione umana e sociale attraversata dal rischio di una progressiva e (spesso) silenziosa perdita di possibilità e capacità nel quotidiano mestiere di vivere, che produce e racconta di storie di scivolamento e deriva verso stati di malessere e povertà.
Una condizione che si colloca nel cammino di vita delle persone determinando una terra di mezzo tra un prima e un dopo.
Un dopo che si può ricostruire, se non lasciati da soli.
Per conservare la stima in se stessi e la fiducia nel futuro, per realizzare progetti di vita e mantenere legami sociali.
La vulnerabilità delle persone è oggi un tema forte, enfatizzato dai mezzi di comunicazione, fortemente sentito dai servizi sociali e sanitari, in agenda nelle politiche locali, presente nei dibattiti pubblici, rappresentato e affrontato in varie forme.

fragili orizzonti

Nell'ottobre del 2005 il Consiglio Provinciale delibera il "Programma Triennale di Politiche Pubbliche di contrasto alla Vulnerabilità sociale", denominato Fragili Orizzonti.
Il Programma, coordinato dall'Assessorato alla Solidarietà, con il coinvolgimento di diversi comparti dell'amministrazione provinciale (politiche del lavoro, pianificazione territoriale, pari opportunità, politiche ambientali e agricole), ha inteso affrontare il tema della vulnerabilità sociale attraverso azioni concrete da offrire ad alcuni territori (città di Torino e provincia), attraverso opportunità da proporre ai cittadini con iniziative economiche di sostegno al credito, al risparmio e al consumo, la cui progettazione e gestione operativa è avvenuta con le realtà locali, istituzionali e sociali, rappresentate dagli Uffici di Piano.
Fragili Orizzonti ha inoltre tentato di avvicinare i temi scottanti del lavoro e delle politiche abitative attraverso la costituzione di gruppi di lavoro interistituzionali per la progettazione di interventi e di azioni condivise da tutti i partecipanti, guidati dal principio e dalla necessità di agire politiche integrate per affrontare problemi complessi.
Per quanto riguarda il tema della salute è stata realizzata un'indagine ricerca, attraverso due questionari diversi, somministrati da circa 60 medici di base a 800 pazienti della città di Torino e provincia, per indagare come le diverse dimensioni della vulnerabilità (sociale e clinica) incidono sullo stato di salute delle persone e come, viceversa, lo stato di salute delle persone può determinare stati di vulnerabilità.

"Una carta geografica del mondo che non comprenda Utopia
non merita neanche uno sguardo, giacchè lascia fuori l'unico paese al quale
l'Umanità approda di continuo.
E quando l'Umanità vi arriva guarda altrove,
e scorgendo un paese migliore,
alza le vele e riparte.
Il Progresso è la realizzazione delle Utopie"
Oscar Wilde

 

Fragili Orizzonti copyleft 2008
www.provincia.torino.it torna alla home