AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Territorio

Difesa del suolo

Sei in: Home > Territorio > Difesa del suolo e attività estrattiva > News

LE NEWS DEL SERVIZIO DIFESA DEL SUOLO E ATTIVITA' ESTRATTIVA

 

NUOVE COMPETENZE IN AMBITO DI STRUMENTI URBANISTICI COMUNALI

Il Servizio Difesa del Suolo e Attività Estrattiva, ai sensi della D.G.R. n. 2-11830 del 28.07.2009, è chiamato a fornire il proprio contributo nell’iter di approvazione degli strumenti urbanistici comunali (P.R.G.C.) per quanto riguarda il quadro del dissesto idrogeologico. Tale competenza viene esplicata attraverso la partecipazione a riunioni tecniche e lo svolgimento di sopralluoghi mirati su vaste porzioni di territorio.
Nel caso in cui i Comuni scelgano di procedere attraverso i Gruppi Interdisciplinari di cui alle vigenti D.G.R. n. 31-3749 del 6.08.2001 e D.G.R. n. 45-6656 del 15.07.2002, e manifestino l’intenzione di adeguare il proprio strumento urbanistico al PAI oppure di validare il quadro del dissesto che si desume dallo studio geologico a scala comunale, ne viene data comunicazione anche al Servizio perché possa, se sono disponibili dati, fornire il proprio contributo.
Nel caso in cui, invece, i Comuni avviino le procedure secondo quanto definito dalla L.R. 1/2007, e presentino una variante al proprio PRGC che modifica il quadro del dissesto presente nel PAI, il Servizio, unitamente all’ARPA, informa il Comune in merito agli elementi conoscitivi (studi, dati) disponibili riguardo agli aspetti legati al PAI e fornisce indicazioni sugli studi da redigersi a scala comunale.
Attraverso le nuove competenze acquisite in materia di strumenti urbanistici, il Servizio Difesa del Suolo e Attività Estrattive svolge, quindi, un ruolo di supporto e di informazione alle Amministrazioni Locali, relativamente ai documenti e alle analisi a scala provinciale che integrano ed approfondiscono le conoscenze del quadro del dissesto idrogeologico del PAI dell’Autorità di bacino. Tali documenti e analisi sono anche quelli che costituiranno l’oggetto delle Intese tra Autorità di bacino del Fiume Po – Regione Piemonte – Provincia di Torino, per quel che concerne il futuro PTCP (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale), ai sensi del D.Lgs. 112/1998. Ai fini dell’attuazione della pianificazione sovracomunale (PTCP), sempre in linea con la D.G.R. n. 2-11830 del 28.07.2009, il Servizio realizza studi sulle aste fluviali o su tronchi significativi.
Il peso del Servizio nel processo di formazione degli strumenti urbanistici comunali aumenta decisamente, e aumenterà ancora di più con il nuovo PTCP vigente e oggetto di intesa con Autorità di bacino e Regione.

Riferimenti normativi
  • L.R. 5 dicembre 1977, n. 56 “Tutela ed uso del suolo.”
  • Circ. P.G.R. 8 maggio 1996, n. 7/LAP “L.R. 5 dicembre 1977, n. 56, e successive modifiche e integrazioni - Specifiche tecniche per l'elaborazione degli studi geologici a supporto degli strumenti urbanistici.”
  • D.G.R. 6 agosto 2001, n. 31-3749 “Adempimenti regionali conseguenti l'approvazione del Piano per l'Assetto Idrogeologico (P.A.I.). Procedure per l'espressione del parere regionale sul quadro del dissesto contenuto nei PRGC, sottoposti a verifica di compatibilità idraulica ed idrogeologica. Precisazioni tecniche sulle opere di difesa delle aree inserite in classe IIIb, ai sensi della Circ.P.G.R. 8 maggio 1996, n. 7/Lap.”
  • D.G.R. 15 luglio 2002, n. 45-6656 “Piano stralcio per l'assetto idrogeologico (P.A.I. ). Deliberazione del Comitato Istituzionale dell'Autorità di Bacino del fiume Po in data 26 aprile 2001, approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 24 maggio 2001. Indirizzi per l'attuazione del P.A.I. nel settore urbanistico.”
  • L.R. 26 gennaio 2007, n. 1 “Sperimentazione di nuove procedure per la formazione e l'approvazione delle varianti strutturali ai piani regolatori generali. Modifiche alla legge regionale 5 dicembre 1977, n. 56 (Tutela ed uso del suolo).”
  • D.G.R. 28 luglio 2009, n. 2-11830 “Indirizzi per l’attuazione del PAI: sostituzione degli allegati 1 e 3 della D.G.R. 45-6656 del 15 luglio 2002 con gli allegati A e B.”

 

MESSA IN SICUREZZA DEL RETICOLO IDROGRAFICO DEL TERRITORIO POSTO TRA IL T. STURA DI LANZO E IL T. BANNA - Analisi di fattibilità

Si tratta di un’analisi dei territori dei Comuni compresi tra il T. Banna e il T. Stura di Lanzo che ha lo scopo di individuare una serie di interventi atti a minimizzare gli effetti di eventi meteorici intensi su un’area molto antropizzata che complessivamente non dispone di scaricatori naturali delle acque meteoriche.
Lo studio è stato fatto alla scala di bacino, il che permette una visione integrata degli interventi e li ottimizza rispetto alle singole scale comunali dove si perde lo sguardo d’insieme. Lo studio nasce da un’esigenza che gli stessi Comuni dell’area hanno manifestato in seguito ai danni provocati dall’evento alluvionale del settembre 2008.
Su questo terreno la Provincia, con le sue strutture, si propone come coordinatore degli interventi e delle progettazioni in un quadro d’intese o di accordi da farsi con la Regione e i Comuni, e che vede nel Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) lo strumento con il quale intervenire nel collegamento e razionalizzazione delle varie politiche comunali in un’area vasta.

Elaborati dello studio

 

PELLIDRAC - PELLICE E DRAC SI PARLANO: HISTOIRE D’EAU. Programma ALCOTRA 2007-2013

 

Politecnico di Torino, 18 novembre 2011
Seminario conclusivo sul progetto PELLIDRAC

Il Politecnico di Torino, capofila del Progetto, sta organizzando una giornata di confronto tra Italia e Francia sugli obiettivi raggiunti nell’ambito del Progetto Interreg-Alcotra PELLIDRAC.

Scarica l’invito (formato pdf 4,3 MB)

Scarica il programma (formato pdf 1,8 MB)


 

L’idea del progetto nasce dalla volontà condivisa tra il Politecnico di Torino (DITAG - Dipartimento Ingegneria del Territorio del Territorio dell’Ambiente e delle Geotecnologie - Capofila), la Provincia di Torino (Servizio Difesa del Suolo e Attività Estrattiva) e il Conseil Général des Hautes Alpes (Direction des Politiques Territoriales, Eau, Environnement) di rendere partecipi le popolazioni rivierasche del Pellice, affluente del fiume Po, e del Drac, affluente del fiume Isère, delle scelte di pianificazione, gestione e di recupero ambientale dei corsi due d'acqua.

Attraverso l’integrazione tra esperienze transfrontaliere complementari ci si prefigge di raggiungere risultati che riguardano tre aspetti principali:

  1. la sensibilizzazione, il coinvolgimento e la responsabilizzazione degli enti locali e dei fruitori del corso d'acqua circa la necessità di una pianificazione degli interventi basata su di un approccio interdisciplinare e comparativo in relazione agli obiettivi di mitigazione del rischio idraulico e di riqualificazione ambientale;
  2. la predisposizione di un protocollo d'azione condiviso che consenta di porre le basi per conseguire, da un lato, gli obiettivi di difesa dal rischio idrogeologico per le popolazioni rivierasche e di conservazione delle infrastrutture presenti (mitigazione del rischio), dall'altro la riqualificazione ecologica delle aste torrentizie (conservazione dell'ecosistema, della biodiversità e del territorio) anche con l’attivazione di reti di monitoraggio (ambientale e dei sedimenti);
  3. l'individuazione di zone ad alta valenza ambientale di valore transfrontaliero per la preservazione e la gestione della biodiversità.

Di seguito sono scaricabili la scheda del progetto e la presentazione del progetto:
Scarica la scheda del Progetto (formato pdf 250 KB)
Scarica la presentazione del Progetto (formato pdf 3,4 MB)


Documenti scaricabili:

ATLANTE CARTOGRAFICO


EVENTI

Villar Pellice, 15 dicembre 2010
La Provincia di Torino, partner del Progetto, ha organizzato una giornata di confronto tra Italia e Francia sul tema della gestione dell’ambiente fluviale e sullo stato di avanzamento del Progetto.
Scarica la brochure della Giornata (formato pdf 1,1 MB)
Scarica il programma della Giornata (formato pdf 405 KB)

 

Per maggiori informazioni:
Gabriella De Renzo - email: gabriella.de_renzo@provincia.torino.it
Pagina del sito della Provincia di Torino relativa al Progetto Alcotra
Pagina del sito della Regione Piemonte relativa al Programma Italia-Francia Alcotra 2007-2013
Sito del Progetto Alcotra 2007-2010

Ultimo aggiornamento: 25/10/2011