AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Ufficio Relazioni con il Pubblico

Visita Palazzo Cisterna

Sei in: Home > URP > Visita Palazzo Cisterna > Maria Vittoria e Amedeo di Savoia

MARIA VITTORIA DAL POZZO DELLA CISTERNA


Ritratto di Maria Vittoria Ultima principessa della famiglia Dal Pozzo della Cisterna, nasce a Parigi nel 1847, durante l'esilio del padre Carlo Emanuele, e si trasferisce poi a Torino nel palazzo di famiglia.
Si distinse per la sua particolare sensibilità e bontà d'animo, fu ammirata per la sua cultura (parlava correttamente 5 lingue) e per l'educazione regale , ma la sua vita fu breve e tormentata da lutti e tragedie.
Sposò nel 1867 Amedeo di Savoia duca d'Aosta e fu per tre anni regina di Spagna, dove portò il suo impegno nei confronti dei più deboli istituendo ospedali, asili per le lavandaie e istituti per ciechi.
Nel 1873, dopo l'abdicazione dal trono di Spagna di Amedeo d'Aosta, rientrò in patria nella sua adorata Torino, a Palazzo Cisterna, che proprio in quel periodo si arricchisce di particolari architettonici e decorativi di gran pregio e grazie a queste trasformazioni diviene una vera e propria casa di rappresentanza.
Ritratto di Amedeo di Savoia Maria Vittoria era di salute cagionevole: la vicenda spagnola e tre maternità ravvicinate aggravarono le sue condizioni. L'8 dicembre 1876, a soli 29 anni, morì a Sanremo. La città di Torino intitolò alla sua memoria la vecchia via San Filippo, che prese il nome di via Maria Vittoria, e sette anni dopo la sua scomparsa il duca Amedeo d'Aosta pose la prima pietra di un nuovo ospedale in Torino dedicato a colei "che fu simbolo di carità e di beneficenza".
Fu sepolta a Superga nelle tombe reali e ancora oggi è possibile vedere in una teca dei fiori appassiti, inviati per l'ultimo sentito omaggio come viva testimonianza di ammirazione e di stima dalle lavandaie di Spagna.

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 01/02/2010