HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Ufficio Relazioni con il Pubblico

Posta Elettronica Certificata (PEC)

Sei in: Home > URP > Posta Elettronica Certificata (PEC)

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)

 

La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un tipo particolare di posta elettronica che consente di inviare/ricevere messaggi di testo e allegati con lo stesso valore legale di una raccomandata con avviso di ricevimento. Affinchè ciò avvenga è indispensabile che sia il mittente che il destinatario utilizzino una casella di Posta Elettronica Certificata (da PEC a PEC).

La Provincia di Torino, in un'ottica di semplificazione, mette a disposizione la casella di Posta Elettronica Certificata istituzionale protocollo@cert.provincia.torino.it, alla quale è possibile inviare messaggi e documenti che verranno registrati dal Protocollo Generale dell'Ente.

Sono inoltre a disposizione di cittadini, imprese e Pubbliche Amministrazioni ulteriori caselle di PEC, da usare solo per determinati tipi di procedimenti e documenti:

Servizio/Area

Procedimento

Indirizzo PEC

Archivio e protocollo generale PEC istituzionale della Provincia di Torino, utilizzabile per tutti i procedimenti protocollo@cert.provincia.torino.it
Relazioni con il Pubblico - URP Accesso agli atti urp@cert.provincia.torino.it
Reclami
Appalti, Contratti ed Espropriazioni Gare e appalti servizio.contratti@cert.provincia.torino.it
Espropri
Trasporti Impianti a fune, navigazione interna e autotrasporto di cose in conto proprio servizio.trasporti.provto@cert.ruparpiemonte.it
Autotrasporto merci ed esami di idoneità professionale
Programmazione attività produttive e concertazione territoriale Bandi e incentivi per le imprese, azioni per lo sviluppo locale e servizi di sostegno alla creazione d'impresa servizio.concertazione@cert.provincia.torino.it
Area Istruzione e Formazione Professionale Formazione professionale, Istruzione, Orientamento istruzione.formazione@cert.provincia.torino.it

 Saranno accettate le comunicazioni provenienti da:

  • caselle PEC di cittadini o imprese rilasciate ai sensi del DPCM 6 maggio 2009, che prevede il rilascio gratuito a ogni cittadino che ne faccia richiesta di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata da utilizzare per tutte le comunicazioni con la Pubblica Amministrazione (per info e attivazioni: www.postacertificata.gov.it)
  • caselle PEC di cittadini o imprese rilasciate da gestori accreditati presso DigitPA
  • caselle PEC di Pubbliche Amministrazioni e riportanti gli estremi della segnatura di protocollo di invio
  • caselle PEC di Pubbliche Amministrazioni dotate di sistemi di interscambio conformi alle regole di interoperabilità (AIPA/CR/28)
  • caselle non certificate, purchè i documenti trasmessi siano stati sottoscritti con firma digitale, il cui certificato sia stato rilasciato da un certificatore accreditato.

I documenti allegati dovranno avere le seguenti caratteristiche:

  • formato stabile, completo, leggibile, non modificabile, privo di codici eseguibili, macro istruzioni, link (per esempio, collegamenti a siti Internet o posta elettronica). Saranno accettati preferibilmente file in formato PDF ed eventualmente anche JPG, TXT, TIFF, XML. Verranno invece rifiutati i documenti trasmessi in formati diversi (DOC, XLS, PPT, ZIP, DWG, ODT, ecc...)
  • ogni singolo file dovrà avere dimensioni non superiori a 10 MB, ma la somma dei singoli file e della busta di trasporto non deve superare i 25 MB
  • se i file sono firmati digitalmente, la firma digitale dovrà essere embedded e non detached (ovvero, il file firmato e la firma devono essere contenuti in un'unica busta-file), e dovrà essere valida al momento della ricezione da parte della Provincia di Torino
  • a ciascun messaggio trasmesso alla casella PEC della Provincia di Torino dovrà essere associato uno e un solo documento principale (domanda, istanza, ecc...) eventualmente corredato dai relativi allegati (una domanda + 3 allegati = un solo messaggio PEC). Se un'impresa o un cittadino o una PA intende inviare diversi documenti principali, dovrà inviare tanti messaggi PEC distinti quanti sono i documenti principali.
    Esempio: un cittadino che deve inviare 2 domande di partecipazione a 2 concorsi = 2 messaggi PEC distinti, uno per ogni domanda di concorso; una ditta che deve inviare 5 fatture = 5 messaggi PEC distinti, uno per ogni fattura.

Attenzione: la PEC non deve essere utilizzata per la trasmissione di comunicazioni non ufficiali (per esempio, materiale pubblicitario, messaggi di prova, ecc...)

 

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Protocollo Generale - Responsabile Cristiana Spiller
Via Maria Vittoria 12 - 10123 Torino
Telefono: 011 861 2247
E-mail: cristiana.spiller@provincia.torino.it

 

Riferimenti normativi:

 

Ultimo aggiornamento: 23/06/2014